Wine

HomeWine

La Barbera è il terzo vitigno a bacca rossa coltivato in Italia e in Piemonte arriva a coprire 1/3 della superficie vitata presente. In passato veniva prodotta in grande quantità per cui era considerata il vino della convivialità, a differenza del Barolo o dei vini passiti che invece venivano considerati rari e preziosi. ORIGINE DEL NOME L'origine del nome rimane avvolta nel mistero. Sulla sua etimologia ci sono ancora parecchi dubbi: chi pensa che derivi da vinum barberis, un succo fermentato di bacche selvatiche che godeva di proprietà terapeutiche, mentre altri pensano derivi da barberus, irruente e aggressivo, che allude al carattere forte e rude del vino che si ricavava da queste uve. Tracce della

Il Nebbiolo è il vitigno più caratteristico del Piemonte: è un'uva a bacca nera, che da vita alla maggior parte dei vini iconici piemontesi, come il Barbaresco ed il Barolo. I vini che si ottengono da questa uva sono di colori tenui ma con una struttura poderosa e con un potenziale di invecchiamento incredibile. ORIGINE DEL NOME Si pensa che il nome Nebbiolo derivi dalla parola "nebbia" e le motivazioni potrebbero essere due: il riferimento alla pruina, la polverina bianca che ricopre gli acini, oppure al tempo di vendemmia, che solitamente avviene ad Ottobre inoltrato, quando le colline iniziano ad essere avvolte dalla nebbia mattutina. Il Nebbiolo era già conosciuto in epoca romana, e

Nel panorama delle certificazioni e degli acronimi, il nostro Bel Paese è quello che ne ha di più. Ma due in particolare sono fondamentali per i nostri vini: le denominazioni D.O.C. e D.O.C.G.. Grazie a queste certificazioni si ha una sicurezza maggiore da parte del consumatore, ma anche delle imprese produttrici che vedono tutelato il proprio lavoro. [caption id="attachment_12574" align="alignright" width="300"] Piramide dei vini - Fonte Google[/caption] Fino al 1930 non vi era interesse alla regolamentazione del vino. La vera volta si ebbe nel 1992, con la legge n. 164/92 che introdusse una serie di innovazioni, arrivando a quella che oggi conosciamo come “la piramide dei vini” che nel 2008 viene

#Pelissero on air🎥🍷 La troupe proveniente dal Belgio - anzi, le due troupe - di Smaakmakkers - Amici di Gusto ha trasformato la nostra cantina in un super studio televisivo lo scorso fine settimana, facendoci sentire delle vere star! In questo programma, quattro presentatori televisivi (di cui due cuochi professionisti) fanno un viaggio da Torino a Montalcino, dividendosi in due squadre alla ricerca di piatti ed ingredienti locali. La sera i quattro presentatori si riuniscono e preparano una cena con il "bottino" gourmet che hanno scovato durante l'esplorazione. Il programma si compone di otto episodi e viene trasmesso nei mesi di luglio e agosto, con un nuovo episodio ogni settimana,

Il Dolcetto viene menzionato in parecchi documenti, i primi dei quali a cavallo tra XVI e XVII secolo e viene indicato come coltura tradizionale del Piemonte meridionale, oltre alla Liguria occidentale. Al di fuori dal Piemonte e della Liguria storicamente sono citate alcune colture in Oltrepò Pavese e in Sardegna. La Regione Piemonte ha dichiarato il 2019 anno del Dolcetto, per celebrare questo vitigno storico così importante per la cultura eno-gastronomica del territorio🍷 E voi, avete già assaggiato i nostri Dolcetto d'Alba DOC Munfrina e Augenta? #Pelissero

”Lega le botti di legno di quercia con il piombo e fasciale con tralci di vite secca, poi introduci nelle fessure del mastice fatto di cera, resina e zolfo sciolti sul fuoco ed ai quali aggiungerai gesso per renderlo denso e con esso spalma anche le botti”. Questa è la prima descrizione documentale che ci è pervenuta circa la fabbricazione delle botti: a scriverla fu Catone (II secolo A.C.), che spesso trattò argomenti legati alla viticoltura. I contenitori in legno soppiantarono i vasi in terracotta, usati in antichità per il trasporto di vino e altri liquidi, vista la loro maggiore resistenza e praticità. Dalla sola funzione di trasporto, le

Il #Barbaresco è un vino DOCG piemontese. La zona di origine delle uve atta a produrre i vini a denominazione di origine controllata e garantita «Barbaresco» comprendente i territori già delimitati con decreto ministeriale 31 agosto 1933, include l'intero territorio dei comuni di Barbaresco, Neive, Treiso e la parte della frazione San Rocco. Sebbene Barbaresco fosse conosciuta per la qualità delle sue uve Nebbiolo, spesso vendute a produttori di Barolo, la data riconosciuta di nascita del vino Barbaresco è il 1894, quando la Cantina Sociale di Barbaresco fu fondata. Un ruolo fondamentale fu quello del generale Paolo Francesco Staglieno, responsabile della prima versione del vino da uve Nebbiolo

In data 29 gennaio 2016, Giorgio ha visitato la Long Now Foundation a San Francisco, dove ha avuto il piacere di essere ospitato per una serata. Ha avuto il piacere di incontrare l'Executive Director e Clock Project Manager, Alexander Rose: è il designer che ha progettato il prototipo dell'orologio, simbolo della fondazione. Inoltre si è occupato di portarne la storia e la filosofia in giro per il mondo, anche attraverso i TED Talk (qui il video). [caption id="attachment_11198" align="alignright" width="300"] Giorgio Pelissero e Alexander Rose a San Francisco[/caption] LA FONDAZIONE LONG NOW E' una associazione no-profit, nata dalla mente di un gruppo di uomini di scienza ed intelletto, di cui fanno parte